MANAGING THE MANAGER : OVVERO COME “GESTIRE” IL TUO CAPO

I nostri manager, siamo sinceri , sono oberati dalle attività e ricevono pressioni (anche multiple) da diversi interlocutori….e non sempre hanno il giusto modo di reggere tali pressioni! Questo può portare ad interazioni non propriamente efficaci con noi

Comprendere le dinamiche che “guidano chi ci guida” ci può essere di grande aiuto anche perché, come sempre, la partita la si gioca insieme!

Ma cosa è consigliabile fare per migliorare l’interazione con il nostro responsabile?

Vi propongo un cambio di passo importante, quindi tenetevi ben saldi alla sedia! Ma ricordate: solo facendo cose diverse possiamo ottenere risultati diversi!

Il concetto chiave che ti propongo è il seguente: IL TUO MANAGER E’ UNO DEI TUOI COLLABORATORI!

Può sembrare un’affermazione assurda e azzardata vero?

Ma se continuerai a leggere, vedrai quanto è importante con il tuo manager fare le stesse cose che fai con i tuoi collaboratori (e che se non fai già sarebbe utile iniziare a fare! 😊)

Sei ancora un po’ incerto a riguardo? Vediamo insieme i 4 suggerimenti chiave!

  1. Dare  Feedback: dare al proprio responsabile riscontri sia positivi che relativi ad aree di miglioramento è fondamentale perché spesso i managers si trovano soli in un mondo complesso e avere qualcuno che in maniera franca e trasparente fornisca loro dei riscontri può aiutarli a vedere le situazioni in maniera più lucida (….e mi raccomando: il feedback non è un giudizio ma è sempre e solo sui comportamenti agiti ed osservati direttamente!)
  2. Ascoltali, hanno BISOGNO di te: le persone che ricoprono ruoli di responsabilità sono spesso soli e altrettanto spesso non riescono a confrontarsi con qualcuno che faccia loro da “specchio”. Un ascolto attivo e non giudicante  vi può aiutare a diventare un riferimento solido per il vostro manager che col tempo imparerà ad apprezzare la vostra presenza nei momenti complessi e valorizzarla.
  3. Contribuisci al loro successo: se un membro del team ha successo, tu avrai successo. Lo stesso vale per il tuo responsabile: se lo supporti (ad es nella generazione di performances , diffondendo all’interno dell’organizzazione casi di successo raggiunti insieme, premiandolo con un feedback eventuali scelte “illuminate”, suggerendo interventi differenti in caso di approcci che vi sembrano rischiosi etc ) lo aiuterai a fare carriera…e quando si sbloccherà la sua posizione , potrebbe consigliare te come suo successore!
  4. Fissare One2One periodici : Fissare dei momenti definiti in agenda e ricorsivi nei quali parlare sia di business che di andamento della performance può aiutare a stimolare il tuo capo a darti feedback e permetterà a te di restituirgli i tuoi. Non “accumulare tossine” che poi portano all’esplosione (da ambo le parti) : è vitale in una buona relazione avere dei momenti nei quali ci si concede l’opportunità di toccare argomenti anche complessi dedicando anche il giusto tempo agli stessi.

Ebbene si …il “managing the manager” è un “lavoro nel lavoro”…ma farlo seguendo questi piccolo accorgimenti  ti permette di ottenere risultati SORPRENDENTI!!!!!

E tu, quali strategie adotti? Hai bisogno di una mano per capire come relazionarti con il tuo capo?

Contattami ora gratuitamente e senza impegno per scoprire come possiamo lavorare su una miglior modalità di interazione tra te ed il tuo capo!

SCRIVIMI ORA SU WHATSAPP

SCRIVIMI ORA UN WHATSAPP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: